Il nostro cibo quotidiano: come scegliamo frutta e verdura?

Sergio Fessia è un selezionatore di frutta e verdura per i negozi Eataly del Nord Italia ed è titolare dell’azienda  Ortobra (a Bra, Cn). L’abbiamo intervistato (Slow, n°2/4 2015) per scoprire che cosa c’è dietro alla frutta e alla verdura che oggi giorno raggiungo lo scafale del supermercato o i banchi dei nostri mercatini rionali.

Quali regole seguire per mangiare frutta e verdura sane?

frutta_verduraCredo che la regola aurea sia mangiare cibo locale e di stagione. Attenzione però: dobbiamo sempre domandarci se frutta e verdura siano di stagione, ma dobbiamo considerare anche il luogo di produzione. L’Italia, essendo un paese molto “lungo”, ha tre tipi diversi di stagionalità: Nord, Centro e Sud. Le fragole italiane sono di stagione da febbraio, a Marsala in Sicilia, a luglio, a Vipiteno in Trentino. La stagionalità è come una catena: si inizia a produrre al Sud, nelle zone più calde, e man mano ci si sposta verso Nord, e la distribuzione segue questo percorso. Allo stesso tempo, che significato ha la parola “locale”? L’Italia, la regione, il comune? 

Per continuare la lettura visita il sito di Slow Food 


Commenti