Post

Visualizzazione dei post da Ottobre, 2010

Le 5 idee per riciclare le custodie dei cd

Immagine
I CD sono  fatti di un materiale complicatissimo da riciclare, molto inquinante e, per questo motivo, i suggerimenti per un loro  RIUTILIZZO  alternativo  sono stati presentati diverse volte. Il consiglio rimane, quindi, il solito: cercare di utilizzare altri supporti (come ad esempio le chiavette USB) che permettono lo stesso tipo di operazioni senza dover fare i conti con la natura. Se, però, ad essere di troppo non è il cd ma la sua custodia eccovi serviti 5 intelligenti consigli di   riciclo creativo  su come poterli trasformare in qualcosa di maggiore utilità e valore.
Anche perché ricordiamo che le custodie del CD non vanno buttate nel bidone della plastica  come ognuno di noi potrebbe erroneamente pensare. Perché? "Semplicemente" perché non vengono considerate un imballaggio da buttare e riciclare, ma un oggetto di lunga durata per il quale i produttori di custodie CD non pagano lo specifico contributo ambientale per raccogliere in modo differenziat…

SETTIMANA EUROPEA PER LA RIDUZIONE DEI RIFIUTI: 20-28 NOVEMBRE 2010

Immagine
Dal 20 al 28 novembre 2010 un evento-chiave per promuovere azioni sostenibili volte alla prevenzione dei rifiuti e  a porre in evidenza l’impatto dei nostri consumi sull’ambiente e sui cambiamenti climatici.
Ridurre! E' la parola chiave che laCommissione Europea ha scelto di utilizzare per una delle principali iniziative di sensibilizzazione sui temi dell'impatto ambientale. Ridurre per evitare di produrre spreco, ridurre per non dover correre poi ai ripari, ridurre come nuovo approccio al consumo.
Maggiori dettagli visitando il sito

CONOSCIAMO I NOSTRI PRODUTTORI: CASCINA LASSI - CERRO AL LAMBRO

Immagine
Oltre all’allevamento di maiali è stata avviata con successo la vendita delle eccellenze alimentari


L’azienda agricola vince la scommessa dei prodotti naturali  Sarà anche l’era della globalizzazione, ma spesso quest’etichetta può risultare una generalizzazione; si sta affermando infatti negli ultimi anni l’esigenza da parte dei consumatori del Sudmilano e Lodigiano di ritrovare la genuinità dei prodotti locali e di riscoprire il contatto diretto con il produttore. Da questo punto di vista il Parco Agricolo Sudmilano rappresenta una risorsa vitale per la produzione delle eccellenze alimentari del territorio con oltre 1400 aziende agricole. A due chilometri da Melegnano, lungo la strada provinciale per Landriano, dal 1950 la famiglia Zuffada porta avanti l’attività produttiva di cascina Lassi, dove dagli anni Ottanta si allevano maiali e si coltiva granturco. Da qualche mese, grazie alla dedizione e allo spirito d’iniziativa di Mattia Zuffada, 25enne diplomato in …

SLOW MONEY: INVESTIMENTI A FAVORE DELL'AGRICOLTURA SOSTENIBILE

Immagine
Un iniziativa di investimenti low profit a beneficio delle comunità locali. Rallentare il denaro per produrre ortaggi al posto di interessi, a vantaggio di un'agricoltura biologica e sostenibile Slow Money è una organizzazione no profit, che mira ad attirare investimenti a favore dell'agricoltura sostenibile e delle piccole imprese alimentari locali. È stata fondata nel 1992 da Woody Tasch, presidente dell'Investors' Circle, una rete no profit di investitori, imprenditori, fondazioni e risparmiatori che ha facilitato la riconversione del flusso di denaro e dei fondi investiti verso piccole imprese sostenibili dedicate all’agricoltura biologica.
Per la sua azione di promozione nei confronti delle comunità locali è tra le finaliste nella competizione statunitense 'Ideas for Change in America', organizzata da change.org, una compagnia di imprenditorialità sociale creata nel 2005 con l’obiettivo di risvegliare le coscienze su diverse cause.
Il princip…

CONSERVAZIONE ALIMENTARE - COME RIDURRE GLI SPRECHI DEL CIBO

Immagine
Slow Food Melegnano ed il GAS - con il supporto logistico della Cooperativa Edificatrice Lavoratori che mette a disposizione la sala Mazzola, organizzano un corso, a cura della Dott.ssa Michela Stella - tecnologa alimentare - sul
CONSUMO CONSAPEVOLE



Spesso si sottovaluta troppo il problema della conservazione dei cibi. Conservare troppo a lungo o male i cibi comporta, tra gli altri, il rischio di: ·  perdita di valore nutritivo del cibo, per fenomeni di ossidazione e per alterazioni biochimiche ·  aumento della carica batterica, fino alla fermentazione e alla putrefazione del cibo
Il corso è indirizzato a chiunque voglia approfondire la sua conoscenza delle tecniche di conservazione, al fine di migliorare la qualità del nostro cibo  e con l’intento di ridurre  un’importante voce di costo quotidiano 



Giovedì 18 Novembre 2010 - ore 20.30 Conservazione domestica degli alimenti (refrigerazione, surgelazione e cibi da tenere a temperatura ambiente) Istruzioni di base per l’uso di frigorifero e …

CIBO SPRECATO: editoriale di Roberto Burdese (Presidente Slow Food Italia) sulla rivista VALORI - ottobre 2010

Immagine
C’È UNA GRANDE (E SCOMODISSIMA) VERITÀ, quando si parla di cibo sprecato nell’opulento mondo occidentale: il problema vero è che non siamo in presenza di un difetto del sistema, che come tale si può analizzare e, almeno in parte, correggere: lo spreco è parte del sistema, è ciò che gli permette di funzionare a quella velocità e con quel tipo di guadagni.
Il moderno sistema di produzione e distribuzione del cibo, basato su logiche e metodi di tipo industriale e orientato principalmente al mercato, è un sistema lineare, ovvero un sistema che non riutilizza gli scarti della produzione e rinuncia a molte produzioni complementari e accessorie, sia perché non ha interesse a portarle avanti, sia perché spesso, per via delle stesse modalità di produzione, alcuni scarti non possono essere valorizzati o non sono più utilizzabili (si pensi al letame degli allevamenti intensivi, ridotto ormai
a scoria contaminante). Ma tutta questa velocità ha un prezzo in termini di spreco: di energia, di risors…

Pesce di lago, di fiume, di mare e....di VALLE !!!!!

Immagine
Sabato 16 ottobre 2010 presso il Circolo Arci del Quartiere Olmi di Milano si è svolto un incontro tra GAS Milanesi, Slow Food e pescatori.





Clou dell'incontro era la presentazione della 'vallicoltura', cioè l'allevamento di pesce in valli: l'insieme di ecosistema quasi unico al mondo situato nel Veneto.

Val Dogà ,é una valle da pesca di circa 1900 ha ed è la piu' grande e famosa valle d'Italia . Situata in laguna Veneta Nord, e' l'antica Valle da Pesca dei Dogi Veneti ed è un parco naturale oltre un'importante oasi faunistica.

In valle da pesca il pesce si alimenta naturalmente e si accresce, non necessita di mangimi. Il sole dà l'avvio alla catena alimentare favorendo la crescita di alghe, alimento per il placton, di cui si nutrono gli organismi che diventano preda dei piccoli pesci, che vengono mangiati da altri pesci....

Nel sito ci sono interessanti filmati ed animazioni sulla pesca in valle.

La pesca è attiva da novembre a gennaio e la …

LUSH : HA BISOGNO DI NOI ??

Immagine
Abbiamo ricevuto un invito dalla Retina GAS del Sud-Est a partecipare ad una dimostrazione di prodotti LUSH presso il Pane e Rose di San Giuliano.

Valeria, pur avendo constatato di persona la bontà dei prodotti, solleva il dubbio se gli acquisti da questa ditta siano in sintonia con la filosofia del GAS, che privilegia il rapporto con i piccoli produttori.

La discussione è aperta !!

Presentazione Prodotti - 14 Ottobre 2010 - L'olio della Nonna

L'olio della NONNA

Olive Biancolilla - Girasola - Nocellara

Valle Agroericina - Contrada Difali - Erice (TP)
Tel: 347-8731574


Presentazione Prodotti - 14 Ottobre 2010 - Olio Pugliese - Masseria Greci

Immagine
Ecco la presentazione fatta dai coniugi Bruno, che hanno visitato l'azienda durante l'estate 2010.


Piccola azienda a conduzione famigliare fondata nel 1912 che attualmente effettua la vendita di olio quasi esclusivamente all'ingrosso poiché nella zona di produzione, Avetrana/Erchie/Sava il mercato al dettaglio, e non, è "monopolio" di grossi produttori (es. De Padova, De Santis). Questa piccola realtà, a conduzione famigliare, ha comunque piccole nicchie di vendita al dettaglio ma esclusivamente nella stessa zona di produzione. Questa piccola azienda è dotata di un proprio frantoio ove vengono lavorate esclusivamente le olive da loro coltivate e raccolte. L'uliveto è composto da ulivi di media età e le olive vengono raccolte con  reti sospese mediante scuotimento degli alberi. Questo permette di avere un olio extra vergine di ottima qualità e bassa acidità. Siamo venuti a conoscenza di questa azienda, in occasione delle vacanze estive, attraverso alcuni residen…

10 Settembre 2010 - arrivo del pesce fresco della Cooperativa del Golfo (Sicilia)

Immagine

Presentazione Prodotti - 14 Ottobre 2010 - Abruzzo

Immagine